sabato 28 marzo 2015

Carol

In seguito all'incidente, la vertebra T1 di Carol si era spezzata in tre punti. Quando si fosse risvegliata, i medici le avrebbero spiegato che non avrebbe più potuto camminare, ballare, uscire a fare shopping con le sue amiche. Pattinare. Il pattinaggio era tutta la sua vita. Un solo istante di disattenzione, stava rispondendo a un messaggio del suo boyfriend, e l'avrebbero privata della sua intera esistenza. Come se in qualche modo sapesse, a lungo Carol non si risveglió: ci fu solo una grave crisi respiratoria e il buio.
Poi, accadde il miracolo. 
Carol aprì gli occhi, scese dal letto e uscì dall'ospedale abbandonato. 
Aveva fame.


Nessun commento: