mercoledì 1 aprile 2015

Kanpai!



Non son lucido, ma brillo.
Ovvero: ciò che non dico da sbronzo, lo scrivo da sobrio.

Napoleone - Corso generale
per far crescere il frutto della passione mediante coltura intensiva di riso.

I latini dicevano verba volant, le parole sono volatili, come l'alcol, e dopotutto ubriacarsi fino a vomitare la propria bile è pur sempre una forma di umorismo.

Con le parole me la cavo, come con i tappi, perciò perché non celebrare prosit fluente versando, il mio preferito è l'endecasillabo Mozzo, fiumi di china, che sia Martini mi raccomando, in bicchieri di carta?
Attenzione però: leggi inclinando un poco lo schermo, altrimenti fa la schiuma.
E lo schiumour mi sgasa.

Qualsiasi Illuminato dell'Oktoberfest di Baviera concorderà con me che il senso dell'umorismo sia un attributo divino.
Puro spirito santo.
E poiché noi miseri uomini non possiamo elevarci a tanto, rimaniamo volentieri sotto spirito.

Nessun commento: