giovedì 29 ottobre 2015

Answer - La risposta (F. Brown)



Come è accaduto per il Towel Day lo scorso 25 Maggio, gli Scriptomanti vogliono celebrare il 29 Ottobre, oltre che con il consueto #Scriptofatto del giorno, proponendovi il racconto di fantascienza che, per come sia riuscito a concentrare tanta genialità in così poche righe, ha sconvolto per sempre la giovinezza del Mozzo, plasmandone allo stesso tempo la concezione di racconto breve.

Il 29 Ottobre 1969 si stabiliva il primo collegamento tra due computer; ARPANET, precursore di Internet.
E questa, signore e signori, è La risposta, di Fredric Brown.

La risposta

Con gesti lenti e solenni Dwar Ev procedette alla saldatura - in oro - degli ultimi due fili. Gli occhi di venti telecamere erano fissi su di lui e le onde subeteriche portarono da un angolo all’altro dell’universo venti diverse immagini della cerimonia.
Si rialzò, con un cenno del capo a Dwar Reyn, e s’accostò alla leva dell’interruttore generale: la leva che avrebbe collegato, in un colpo solo, tutte le gigantesche calcolatrici elettroniche di tutti i pianeti abitati dell’universo - novantasei miliardi di pianeti - formando il supercircuito da cui sarebbe uscita la supercalcolatrice, un’unica macchina cibernetica racchiudente tutto il sapere di tutte le galassie.
Dwar Reyn rivolse un breve discorso agli innumerevoli miliardi di spettatori. Poi, dopo un attimo di silenzio, disse: «Tutto è pronto,
Dwar Ev».
Dwar Ev abbassò la leva. Si udì un formidabile ronzio che concentrava tutta la potenza, tutta l’energia di novantasei miliardi di pianeti.
Grappoli di luci multicolori lampeggiarono sull’immenso quadro, poi, una dopo l’altra, si attenuarono.
Dwar Ev fece un passo indietro e trasse un profondo respiro.
«L’onore di porre la prima domanda spetta a te, Dwar Reyn».
«Grazie» disse Dwar Reyn. «Sarà una domanda cui nessuna macchina cibernetica ha potuto, da sola, rispondere».
Tornò a voltarsi verso la macchina. «C’è Dio?»
L’immensa voce rispose senza esitazione, senza il minimo crepitio di valvole o condensatori. «Sì: adesso, Dio c’è».
Il terrore sconvolse la faccia di Dwar Ev, che si slanciò verso il quadro di comando.
Un fulmine sceso dal cielo senza nubi lo incenerì, e fuse la leva inchiodandola per sempre al suo posto.

Per i puristi anglofoni, abbiamo per voi anche la versione in lingua originale.

Answer

Dwan Ev ceremoniously soldered the final connection with gold. The eyes of a dozen television cameras watched him and the subether bore throughout the universe a dozen pictures of what he was doing. 
He straightened and nodded to Dwar Reyn, then moved to a position beside the switch that would complete the contact when he threw it. 
The switch that would connect, all at once, all of the monster computing machines of all the populated planets in the universe - ninety-six billion planets - into the supercircuit that would connect them all into one supercalculator, one cybernetics machine that would combine all the knowledge of all the galaxies. 
Dwar Reyn spoke briefly to the watching and listening trillions. Then after a moment's silence he said, «Now, Dwar Ev». 
Dwar Ev threw the switch. 
There was a mighty hum, the surge of power from ninety-six billion planets. Lights flashed and quieted along the miles-long panel. 
Dwar Ev stepped back and drew a deep breath. «The honor of asking the first question is yours, Dwar Reyn». 
«Thank you,» said Dwar Reyn. «It shall be a question which no single cybernetics machine has been able to answer».
He turned to face the machine. «Is there a God?»
The mighty voice answered without hesitation, without the clicking of a single relay. 
«Yes, now there is a God».
Sudden fear flashed on the face of Dwar Ev. He leaped to grab the switch. 
A bolt of lightning from the cloudless sky struck him down and fused the switch shut.

Nessun commento: